La settima edizione di Earthink Festival (la quinta in città) si è svolta da venerdì 21 a domenica 23 Settembre 2018 presso l’Housing Giulia di Via Cigna a Torino.
Per tre giorni TEATRO, MUSICA, DIBATTITI e LABORATORI e INCONTRI sono stati il cuore di un festival che si pone come obiettivo l’avvicinamento di un pubblico trasversale con la proposta di spettacoli ed attività che hanno come denominatore comune l’accessibilità intesa come possibilità di “comprensione” e “condivisione”.

Sul palco di Earthink Festival 2018 si sono alternati:


GIANNA COLETTI in MAMMA A CARICO: MIA FIGLIA HA NOVANT’ANNI
Spettacolo vincitore del Bando Earthink Festival 2017. Attraverso una storia vera e personalissima lo spettacolo ha parlato di tematiche universali come il prendersi cura di chi ci ha generato, il conflitto genitori e figli a tutte le età, la lotta per accettare ciò che la vita ci dà e ci toglie. Lo fa con grazia, ferocia, umorismo, musica. Il testo teatrale è tratto dal libro MAMMA A CARICO – Mia figlia ha novant’anni, scritto dalla stessa Gianna Coletti (edito da Einaudi nel 2015), che ha venduto migliaia di copie e sarà presto distribuito in Cina.


ANDREA BRUNELLO (Arditodesio| Jet Propulsion Theatre) in PALE BLUE DOT - PALLIDO PALLINO BLU
Una incredibile storia di speranza, meraviglia, bellezza e disperazione. Il destino della sonda Voyager 1 si mescola con quella del suo creatore dalle tendenze suicide, quelle di suo figlio sognatore e quelle del Pianeta Terra. Mentre il satellite artificiale si allontana dal sistema solare tutto cade in prospettiva, diventa dolorosamente chiaro che il nostro Pallido Pallino Blu, la Terra, è l’astronave più preziosa e va protetta senza esitazione e senza compromessi.


Vito Baroncini alla lavagna luminosa in dialogo con Enrico Fontana in RIFIUTOPOLI. Veleni e antidoti Conferenza spettacolo.
Enrico Fontana, membro della segreteria nazionale di Legambiente e direttore del mensile La Nuova Ecologia, inizia a raccontare il mondo di Rifiutopoli nel 1984, “scoprendo che i rifiuti venivano abbandonati anche nei luoghi più belli, dove ti aspetti di vedere solo le farfalle. E invece ci trovavo di tutto: frigoriferi, lavatrici, macerie, pneumatici fuori uso, che bruciano e avvelenano l’aria”. Le farfalle, che trasformano i rifiuti organici in “nettare”, diventano il filo conduttore di una narrazione che non dimentica le tante buone storie di raccolta, riuso e riciclo del nostro Paese.


FROSINI / TIMPANO in ACQUA DI COLONIA, prima parte: ZIBALDINO AFRICANO.
Il colonialismo italiano. Una storia rimossa e negata, che dura 60 anni, inizia già nell'Ottocento, ma che nell'immaginario comune si riduce ai 5 anni dell'Impero Fascista. Cose sporche sotto il tappetino, tanto erano altri tempi, non eravamo noi, chi se ne importa. È acqua passata, acqua di colonia, cosa c'entra col presente? E i profughi, i migranti che oggi ci troviamo intorno, sull'autobus, per strada, anche loro sono astratti, immagini, corpi, identità la cui esistenza è irreale: non riusciamo a giustificarli nel nostro presente. Come un vecchio incubo che ritorna, incomprensibile, che ci piomba addosso come un macigno.


Compagnia TARDITO RENDINA in L’ANATRA, LA MORTE E IL TULIPANO
Quella dell'incontro fra l'anatra e la morte è una storia dal finale inevitabile, ma inaspettatamente divertente e leggera. In fondo racconta una cosa semplice, e cioè che la morte ci accompagna fin da quando siamo in vita, e che comprenderlo ci aiuta a non averne paura e a sentirci meno soli. Spettacolo di teatrodanza, musica e parole dai 7 anni. Eolo Awards 2015 - Miglior spettacolo di teatro ragazzi e giovani.

Associazione Culturale Giostre in DI GIOSTRA IN GIOSTRA Macrospettacolo di Microperformance
Un innovativo format di spettacolo che intende stravolgere il rapporto tradizionale tra artista e spettatore, facendo convivere e rivivere al suo interno arte, socialità e cultura, creando una nuova forma di proposta artistica. Con la partecipazione di: Le Due e Un Quarto, Mister Bang, Matteo Cionini, Luigi Ciotta, Mario Levis.




prev next